Fhub in movimento: mente sana in corpo sano

Era da poco iniziato il 2022 ed eravamo rientrati dalle vacanze natalizie giusto da qualche giorno.

Si stava seduti sul divano della zona relax di questo coworking con un caffè in mano, cercando la forza per resuscitare dal torpore del corpo e della mente.

Ognuno aspettava che fosse l’altro a dare un segno di vita, alzarsi e tornare in scrivania. Qualsiasi gesto che fosse capace di contagiare tutti e dare il via ad un nuovo pomeriggio di lavoro.

E invece niente.

Fino a quando, forse colpita dal piede di un coworker distratto, la fitball si mosse.

“Teodo’ (Teodora, ndr) ma che l’hai presa a fare ‘sta palla se nemmeno sappiamo come si usa. Che ce dovemo fa?!”

“L’avevo presa per aiutarvi a lavorare meglio, ma in effetti non so dirvi come usarla”

Ed eccola lì, l’illuminazione, una luce in fondo al tunnel del torpore.

C H I A M I A M O N A T H A L I E!

Ma andiamo con ordine.

Chi è Nathalie e perché ci è venuta in mente?

Chiaccherando tra un caffè e una pausa pranzo con uno dei nostri coworkers, ci ha raccontato che la moglie Nathalie – sì proprio quella Nathalie – educatrice e istruttrice di pilates, stava avviando un’attività per aiutare i giovani studenti – dai 6 ai 13 anni circa – a costruire un metodo di studio efficace e al tempo stesso dinamico.

Il progetto in questione, Mente in Movimento, prevede di inserire dei momenti di ginnastica/pilates nel supporto allo studio.

Oltre ai benefici per il corpo come la postura, la forza e l’equilibrio, ci sono tanti benefici per la mente: l’attività fisica infatti migliora l’umore, riduce l’ansia, libera la mente e aiuta la concentrazione, stimola la creatività e le capacità cognitive aiutando a migliorare l’autostima.

L’alternanza tra momenti di studio e di attività fisica permette così di raggiungere un equilibrio tra corpo e mente.

Il metodo Pilates sviluppa il corpo uniformemente, corregge la postura, ripristina la vitalità, rinvigorisce la mente ed eleva lo spirito.

J. Pilates

La fitball è uno degli attrezzi utilizzati nel pilates e aiuta a lavorare sull’equilibrio, la propriocezione, la forza, la flessibilità muscolare. Aiuta a scaricare le tensioni ma richiede al tempo stesso concentrazione per non rotolare rovinosamente a terra.

Ecco perchè ci è venuta in mente proprio lei, quando la fitball è stata chiamata in causa.

Ecco come è nato Fhub in Movimento

Dopo l’illuminazione di cui sopra, è stato facile chiamare Nathalie e chiederle se le andasse di costruire insieme una rubrica che unisse le sue competenze nella cura del corpo e della mente, con i disagi e i dolori che noi lavoratori da scrivania avevamo da vendere.

Diventare delle cavie, quando il risultato è non solo lavorare bene, ma addirittura meglio, non sarebbe stato affatto male!

E così ci siamo dati appuntamento un pomeriggio di febbraio e abbiamo iniziato ad incrociare idee, bisogni e soluzioni.

Il risultato è questa rubrica che permetterà a noi coworkers, ma anche a tutti gli impiegati in ufficio o in smart working, di impostare delle routine semplici ma risolutive.

L’obiettivo non è sconvolgerti la quotidianità con esercizi sfiancanti e corse contro il tempo, che non è mai abbastanza.

L'obiettivo di Fhub in Movimento è suggerire piccoli esercizi e facili strategie da inserire nella giornata lavorativa per aiutarti a migliorare il benessere fisico, la concentrazione la produttività.

Vogliamo farvi lavorare bene, anzi meglio!

E se Nathalie riesce a farlo perfettamente con bambini e ragazzi, perché non dovrebbe riuscirci anche con noi adulti seri e responsabili?!

Se hai dei figli tra i 6 e i 13 anni e vuoi aiutarli a studiare con serenità e senza frustrazioni, puoi trovare Nathalie e il suo progetto Mente in Movimento:

Se invece sei un giovane vecchio, con gobba incipiente, mal di schiena e tutti gli altri effetti collaterali dello stare seduto per tanto tempo, segui la rubrica Fhub in Movimento sui nostri canali Facebook e Instagram.

E siccome siamo generosi, daremo preziosi consigli anche a chi per lavoro sta sempre in piedi, e anche per stare bene negli altri momenti della giornata, che non si vive mica di solo lavoro!




Lascia un commento

Your e-mail will not be published. All required Fields are marked